Caratteristiche energetiche Elemento LEGNO

Per comprendere le caratteristiche dell’Elemento Legno osserviamo la natura.

 

L’immagine è quella dell’albero che ha radici ben solide, che lo tengono saldo al terreno, e i rami  e la chioma che denotano un’energia crescente verso l’alto e verso l’esterno, con un’energia in espansione. Corrisponde alla primavera quando tutta la natura sboccia e germoglia.

 

 LA PERSONA LEGNO

La persona legno ha la capacità di:

  • decidere e scegliere in quale direzione andare e quale percorso di vita intraprendere
  • darsi una meta
  • avere un sogno e realizzarlo.

E’ in grado di individuare il momento ideale per manifestare le proprie qualità, maturate con il tempo e con le proprie esperienze. E’ positivo e ottimistaemotivo e sensibile. Molto coraggiosopratico, paziente e riflessivo.

Quando in disequilibrio diventa impazienteirritabileindeciso confuso e disorientato per la difficoltà a prendere decisioni e per la tendenza a perdersi nei dettagli. La rigidità muscolare è un sintomo evidente in quanto questo elemento controlla muscoli e tendini.

 

CARATTERISTICHE

Può perdere il controllo della situazione dopo aver accumulato rabbia non espressa, che si trasforma in collera. La rabbia è l’emozione del legno che ci permette di reagire spesso ad una ingiustizia; la collera è un sentimento più profondo che parte da dentro e che si porta rapidamente verso l’alto e verso l’esterno(come l’energia legno). Frasi della nostra tradizione popolare vedono proprio questa connessione: “mangiarsi il fegato dalla rabbia”, “sono verde dalla rabbia”,  verde in riferimento alla bile prodotta dal fegato.

Il momento della vita corrispondente è la nascita vera e propria, ma anche  l’infanzia, momento in cui nella vita avvengono dei cambiamenti psico-fisici importanti e si è mossi da una energia esuberante come quella del bambino che vuole scoprire il mondo.

 

MERIDIANI

I meridiani di riferimento sono Fegato e Cistifellea posizionati ai lati del corpo come da permettere alla persona di guardare a dx e a sn per scegliere quale strada prendere.

In particolare il fegato lavora di notte per distribuire l’energia dove necessaria per cui è indispensabile riuscire a riposare di notte per non sovraccaricare il fegato.

Sintomi fisici sono insonnia, cefalea soprattutto la muscolo-tensiva dovuta ad un irrigidimento delle fasce muscolari, debolezza articolarediminuzione della vista.

 

CONSIGLI

Consiglio:

  1. depurazione del fegato  nella stagione primaverile e meglio ancora nelle settimane che la precedono con prodotti omeopatici che ne permettono la disintossicazione. Prodotti senza zuccheri e alcool che contiene tarassaco carciofo schizandra e bardana, piante purificanti per il fegato
  2. evitare cibi animali, prodotti da forno, alcool, droghe, zuccheri raffinati
  3. prediligere i cereali soprattutto l’orzo per l’effetto depurativo e le verdure a foglie verdi
  4. non sottovalutare l’esercizio fisico di allungamento come lo stretching dei meridiani che non solo rilassano la muscolatura ma controllano anche la respirazione
  5. autoshiatsu ovvero una attività di autotrattamento per ristabilire equilibrio energetico nel sistema corpo-mente.

Se vuoi praticare con me una lezione di 30 minuti di Autoshiatsu ti consiglio di scaricare il video “AUTOSHIATSU IN 10 MOSSE” !

Se ti è piaciuto questo articolo ti invito a condividerlo o a lasciare un commento qui sotto. Sarò felice di leggerti!